I bambini nati da ICSI, per infertilità paterna, possono ereditare l’infertilità del padre

Scritto da Dr.ssa Sebastiana Pappalardo

I bambini nati mediante la tecnica  iniezione intra-citoplasmatica dello spermatozoo- nota come ICSI – potrebbero ereditare le caratteristiche degli spermatozoi e l’infertilità di cui hanno sofferto i padri.

La tecnica  ICSI è utilizzata in più della metà dei trattamenti di fertilità nel Regno Unito
I ricercatori hanno condotto uno studio su 54 uomini di età compresa tra 18 e 22 , nati  nei primi anni di utilizzo questa tecnica, tra il 1992 e il 1996.  I campioni  di questo gruppo di uomini sono stati confrontati con un gruppo di 57 uomini della stessa età, che era stato concepito in modo naturale.
Lo studio ha rilevato  che questi uomini nati con ICSI  soffrono anche loro di oligoastenospermia, cioè di bassa concentrazione e di scarsa motilità degli spermatozoi.
Quindi  sembrerebbe che un ‘livello di sub-fertilità’ possa essere tramandato dal padre al figlio maschio.
Questo dato porta a  supporre che migliaia di ragazzi nati ogni anno con questa  tecnica per l’infertilità potrebbero  ereditare la sterilità del loro padre.

In più della metà di tutti i trattamenti di infertilità nel Regno Unito viene utilizzata la tecnica ICSI , progettata alla fine del 1980 per aiutare gli uomini con spermatozoi pochi e scarsamente mobili , consiste nell’iniettare lo spermatozoo direttamente nell’ovocita . I risultati, pubblicati sulla rivista Human Reproduction, mostrano che gli uomini concepiti tramite ICSI hanno avuto la metà della concentrazione di spermatozoi e la metà del numero di spermatozoi con buona motilità, rispetto agli uomini concepiti naturalmente.
Lo studio, condotto dal Centro di Medicina della Riproduzione presso la Vrije  Universiteit  di Bruxelles, ha anche mostrato che gli uomini nati da ICSI sono stati quasi tre volte più probabilità di avere concentrazioni di spermatozoi al di sotto di 15 milioni per millilitro di sperma, definito limite di normalità dall’ Organizzazione Mondiale della Sanità .
Il professor Andre Van Steirteghem , a capo della ricerca , ha detto che la sua squadra aveva sempre saputo che i problemi che avevano causato l’infertilità di padre, di solito fattori genetici, possono essere ereditati dai loro figli e quindi questi risultati non sono inaspettati.

Questo dato di probabilità sulla trasmissibilità genetica, prima di effettuare la ICSI, era stato reso noto
ai futuri genitori e per tutti i genitori questa informazione non era  ritenuto un motivo per astenersi dalla ICSI, perché dicevano tutti : “Se questo accade,  la ICSI potrà  quindi essere anche una soluzione per i nostri figli.”.
Questa procedura utilizzata per essere l’ ultima risorsa per le coppie che stavano lottando per concepire, ora è usata in più della metà di tutti i trattamenti di fertilità nel Regno Unito, perché da più certezza di risultati. Nel 2014, ultimo anno per cui sono disponibili i numeri, più di 37.000 coppie nel solo Regno Unito ha subito ICSI, e circa 9.000 bambini sono nati .

I risultati di questo studio sono un richiamo di attenzione agli operatori  per sottolineare che la  ICSI non è un trattamento per l’infertilità maschile, ma semplicemente un modo di aggirare un problema , che però potrebbe riaffacciarsi nella generazione successiva.
Lo studio ha esaminato solo in un numero relativamente piccolo ( 54 uomini),per cui non si può ancora dire che sicuramente i maschi concepiti  con la tecnica ICSI avranno sempre la scarsa fertilità dei loro padri. Il professor Richard Sharpe, che guida il team maschile di ricerca sulla salute riproduttiva presso l’Università di Edimburgo, ha detto: ‘I risultati suggeriscono che i problemi di fertilità maschile abbastanza gravi da richiedere ICSI possono  essere ereditabili . I primi risultati  di questo studio indicano che un certo grado di “sub-fertilità” è, infatti, stato trasmesso ai figli di padri che hanno subito ICSI a causa delle caratteristiche del seme non idonee ad una fecondazione naturale.
D’altra parte è  ben noto che i fattori genetici giocano un ruolo nella infertilità ed in particolare quella maschile nella trasmissione verso il figlio maschio. Un esempio sono le microdelezioni del cromosoma Y che vengono sicuramente trasmesse  dal padre al figlio maschio.

Questo è un dato  da tenere in considerazione , soprattutto durante il colloquio con la coppia che dovrà fare la fecondazione assistita, perché siano informati adeguatamente per una scelta consapevole

Da Human Reproduction Oct 2016 Volume 31, Issue 10

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *