Capacità riproduttiva e variazioni della leptina durante il ciclo mestruale

Uno studio svolto dal Dipartimento di Biologia dell’Università dell’Indiana negli USA mirato a comprendere come i cambiamenti fisiologici durante le fasi del ciclo mestruale insieme a altri fattori comportamentali e fisiologici e l’attività sessuale possono influenzare i livelli di leptina nelle donne.
La Leptina è un ormone, prodotto dal tessuto adiposo, che svolge un ruolo fondamentale nella modulazione del metabolismo , regolando il bilancio energetico tra cibo ingerito e spesa calorica.
Poiché è più probabile che la riproduzione si verifichi quando le risorse sono prontamente disponibili, i marcatori di riserva energetica come la leptina possono svolgere un ruolo importante nella salute riproduttiva. È stato dimostrato che le interruzioni della leptina contribuiscono alla disfunzione riproduttiva (ad es., Fallimenti di fecondazione in vitro, sindrome dell’ovaio policistico)
L’assunzione di cibo e il consumo di energia con l’esercizio fisico coinvolgono la produzione di leptina durante il ciclo , quindi lo stato riproduttivo può interagire con l’omeostasi energetica. Studi precedenti hanno determinato che ci sono livelli più elevati di leptina durante la fase luteale rispetto alla fase follicolare e che i livelli di leptina aumentano costantemente durante il ciclo mestruale
Durante l’ovulazione, l’estradiolo gioca un ruolo importante nell’impulso LH, che alla fine innesca la maturazione dell’ovulo . Poiché l’estradiolo è significativamente elevato al momento dell’ovulazione, altri sistemi nel corpo (ad es. la regolazione dell’energia) possono ridurre la risposta al segnale dell’estradiolo durante questo periodo. Tuttavia, a livello mestruale, i livelli degli ormoni steroidei sono bassi in generale , suggerendo che un piccolo aumento di estradiolo durante questa fase potrebbe essere un segnale più forte per la produzione di Leptina.
Lo stato di attività sessuale può influenzare ormoni rilevanti in termini di riproduzione, come il testosterone , l’estrogeno e l’ossitocina . la regolazione dell’energia è un fattore importante nella segnalazione della prontezza per la riproduzione L’attività sessuale è un primo passo fondamentale nella riproduzione , senza attività sessuale il concepimento non sarebbe possibile. Il corpo può considerare lo stato di attività sessuale collegato a segnali energetici (come la leptina) per attivare processi che preparano alla possibile riproduzione. Una recente ricerca suggerisce che l’attività sessuale può predire cambiamenti nella risposta immunitaria attraverso il ciclo mestruale, spingendo verso quegli aspetti di immunità che promuovono il concepimento (ad es. Produzione di cellule T-helper di tipo 2)
Tutte queste interazioni di segnale possono essere gestite tramite l’elaborazione del sistema nervoso centrale, in quanto aspetti specifici della stimolazione sessuale e dei comportamenti di alimentazione sono coordinati tramite l’ipotalamo ventromediale. E’ possibile che lo stato di attività sessuale sia correlato ad alcuni fattori psicosociali o comportamentali (come la dieta) che possono influenzare la produzione di leptina. Ad esempio, uno studio ha scoperto che le donne che erano attive a livello sessuale mangiavano significativamente meno proteine e bevevano più alcol nel loro periodo mestruale rispetto alle donne che erano sessualmente astinenti
Precedenti studi hanno suggerito che la leptina svolge un ruolo importante durante l’ovulazione e contribuisce al processo di impianto, poiché aumenta le citochine e le molecole di adesione nell’endometrio . E’ possibile quindi che l’attività sessuale possa esercitare un’influenza maggiore sulla produzione di leptina durante le finestre fertili all’interno del ciclo mestruale (cioè, prima e durante l’ovulazione). Questi risultati dello studio svolto suggeriscono un ruolo della leptina nella comprensione delle interazioni tra immunità e riproduzione nelle donne sane. Sarebbe interessante proseguire lo stesso studio su donne che presentano invece una disfunzione riproduttiva per valutarne le differenze.

Da Reproductive Biology 18-2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *