Età della donna e riproduzione naturale ed assistita

È una realtà sociale attuale che sia le donne che gli uomini sono meno desiderosi di procreare da giovani. I fattori responsabili includono i cambiamenti della società, la morsa del lavoro, la carriera e la tecnologia, ei social media che vendono il sogno di rimandare la maternità “finché il tempo è giusto”. Tuttavia, l’impatto dell’età sull’abilità riproduttiva pone le donne in svantaggio a causa del numero finito di ovociti e le loro alterazioni dell’integrità del DNA nel tempo. Le coppie che ritardano i piani familiari dovrebbero essere consapevoli del rischio di non avere uno o meno bambini del desiderato.
I rischi di una gravidanza per una donna di 25 anni sono molto diversi rispetto a 45 anni, essendo l’età materna avanzata un fattore di rischio ben definito per le complicazioni associate alla gravidanza sia per la madre che per il bambino.
L’età al primo parto è in costante aumento e le donne sopra i 35 anni che richiedono l’aiuto di tecniche di fecondazione in vitro sono in numero crescente.
In uno studio condotto da Cleary-Goldman et al, hanno analizzato l’esito ostetrico delle gravidanze spontanee su 36.056 donne dividendolo in 3 gruppi (più giovani di 35 anni, 35-39 e oltre 40). L’aumento dell’età è risultato significativamente associato a crescente rischio per aborto spontaneo, anomalie cromosomiche e diabete gestazionale. L’aumento del rischio di distacco, di parto prematuro, basso peso alla nascita e mortalità perinatale è maggiore nelle donne di età pari o superiore a 40 anni.
Il naturale declino del potenziale riproduttivo femminile nel tempo ha due cause principali:

  • esaurimento del numero di ovociti nell’ovaio
  • diminuzione della qualità degli ovociti.

L’Ormone anti-Mulleriano AMH, secreto dalle cellule della granulosa dei follicoli ovarici preantrali e antrali, presenta picchi di produzione nei primi 20 anni e diminuisce gradualmente fino alla menopausa. L’AMH è comunemente usato come biomarcatore della riserva ovarica di una donna, insieme ai livelli di ormone follicolo-stimolante e alla conta follicolare antrale. La diminuzione della riserva ovarica dovuta all’aumento dell’età della donna è un motivo comune per il mancato concepimento spontaneo, ma gli effetti dell’età materna avanzata stanno diventando evidenti durante la terapia con la tecnologia della riproduzione assistita.

Poiché le donne nascono con un numero finito di ovociti, una riduzione progressiva del pool follicolare ovarico significa che le donne anziane hanno meno ovociti e di qualità ridotta e una maggiore suscettibilità alle anomalie cromosomiche e meiotiche.

Le donne sopra i 35 anni sono un gruppo crescente di pazienti che partecipano alle tecniche di fecondazione in vitro. Una discussione aperta sui limiti della riproduzione assistita in età avanzata e sui rischi di gravidanza tardiva per la madre e il figlio assicura che le coppie siano pienamente informate e abbiano aspettative realistiche prima di intraprendere interventi emotivamente e finanziariamente importanti.
L’educazione sanitaria preventiva per comprendere l’importanza di un progetto riproduttivo nelle fasi iniziali dell’età adulta dovrebbe essere presa in considerazione dai responsabili delle politiche sanitarie.
Aumento delle aneuploidie degli ovociti e degli embrioni
Con l’aumentare dell’età materna, la probabilità di avere una gravidanza, spontanea o assistita, diminuisce e molte donne richiederanno indagini e trattamenti sulla fertilità e con molta probabilità saranno donne più anziane e quindi più esposte danni genetici a carico dei gameti rispetto alle donne più giovani , ma purtroppo non vi è una informazione adeguata ed esaustiva su questi argomenti.
Il successo dei trattamenti di riproduzione assistita e la probabilità di una gravidanza che si instauri e progredisca dipende dalla qualità dei gameti , sia ovociti maggiormente che spermatozoi. L’età femminile ha un effetto significativo sull’espressione dei geni che regolano il ciclo cellulare dell’ovocita , di conseguenza, gli ovociti delle donne anziane sono meno resistenti agli errori meiotici e alle anomalie cromosomiche, portando a percentuali più elevate di anomalie embrionali e fetali con tassi di gravidanza più bassi e maggiori possibilità di aborto.

La compromissione della competenza dell’embrione legata all’età è strettamente associata all’aneuploidia negli embrioni umani, che deriva principalmente dalla mancata segregazione nella meiosi. La valutazione dell’embrione attraverso la Diagnosi Genetica preimpianto- PGD mostra che i tassi di aneuploidie negli embrioni del 5 ° giorno ( stadio di Blastocisti) sono del 31,7% in giovani di 35 anni, 44,2% a 35-37 anni, 43,1% a 38-40 anni, 76,3% a 41-42 anni e 84,8% dopo 42 anni. Questi aumentati tassi di anomalie cromosomiche nelle donne di età avanzata, portano a una maggiore incidenza di aborti spontanei  che registrano tassi del 13% in giovani di 35 anni, 17.9% tra 35-37 anni, 26% per 38-40anni, 38,1% in 41-42 anni e 52,7% in donne di età superiore a 42 anni. Inoltre il numero di ovociti recuperati dopo IVF diminuisce con l’età.
Quindi la realtà riproduttiva contrasta con le aspettative elevate di molti pazienti che affrontano la fecondazione in vitro, in particolare in età avanzata. La consulenza dettagliata è fondamentale prima di consigliare e perseguire la terapia di fecondazione in vitro.
La società in generale dovrebbe facilitare le giovani coppie che desiderano una famiglia e fornire sia il supporto per le neo mamme che il padre e anche le pari opportunità per la progressione della carriera femminile. Questo investimento minimo sarà di gran lunga più vantaggioso per la società rispetto al peso dello stress legato alla fertilità, alla perdita di produttività e alle complicazioni legate a gravidanze in età avanzata
Da Global Reproductive Health: giugno 2018 – Vol.3 (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *