Il Test S-DRIVE si amplia con un importante settore, il benessere intestinale

Le variazioni ambientali senza precedenti che ha avuto luogo negli ultimi tre decenni hanno portato ad
massiccio aumento degli inquinanti ambientali. Questi inquinanti influenzano la nostra vita quotidiana in molti modi.
E’ oggi ormai noto che l’intestino è connesso con il nostro sistema immunitario e con il cervello .
Uno dei maggiori impatti sulla salute generale è dovuto allo stress causato al tratto gastroenterico e al sistema intestinale. Queste due aree forniscono la maggior parte delle nostre energie cellulari e svolgono un ruolo importante nel sistema immunitario.. La funzione di questi i sistemi è importante perché strettamente collegati al sistema immunitario ed insieme influenzano la produzione di alcuni neurotrasmettitori e quindi le prestazioni del cervello.
Il sistema intestinale e immunitario
Potremmo considerare il nostro sistema intestinale come un bel giardino fiorito in cui però anche le erbacce crescono e se quest’ultime prendono il sopravvento sui fiori , il giardino le soffrirà.
Le nostre prestazioni fisiologiche si basano sull’ottimizzazione e il bilanciamento tra la buona vegetazione e controllo della crescita indesiderata di erbacce. La buona vegetazione è costituita dai trilioni di batteri buoni e necessari, in grado di aiutare a scomporre e convertire i cibi che consumiamo e anche a produrre molecole necessarie che l’uomo non è in grado di formare.
La crescita eccessiva di milioni di agenti patogeni, sovrastando i batteri buoni produce uno squilibrio con conseguente perdita di diversità microbica. La causa dell’aumento dei patogeni sulla flora intestinale buona è spesso causato da tossine, agenti stressanti alimentari e inquinanti come metalli pesanti.
Un supporto nutrizionale per ottimizzare le funzioni intestinali
Quando inquinanti tossici o sostanze non tollerate entrano nell’intestino, possono verificarsi disfunzioni di vario grado e più a lungo si è sottoposti a questi insulti maggiori divengono i problemi intestinali.
Alcune sostanze contenute nel cibo potrebbero essere d’aiuto per migliorare e tutelare le prestazioni dell’intestino a seconda delle caratteristiche individuali.
I parametri valutati dal Test S-Drive per aiutare a ottimizzare il supporto intestinale sono i seguenti
Marcatori nutrizionali:
Istidina, triptofano, zinco, valore cisteina, betaina, superossido dismutasi, molibdeno, selenio, acido alfa lipoico, sulforafano, omega 3, ferro, vitamina B12, vitamina C, vitamina D3, glutammina
Indicatori energetici di supporto del sistema
Digestione ,, Equilibrio microbico, Stress / infiammazione ossidativa, disintossicazione, sistema emotivo, energia del sistema ,Sistema immunitario, Salute Cerebrale
Intolleranze alimentari
Grano, Orzo, Segale, Alcool, Mais, Soia
Questa valutazione non è diagnostica perché non si basa su analisi biochimiche, ma da una indicazione molto accorta dell’impatto dell’ambiente e dello stile di vita sulla singola persona in base alle sue predisposizioni, fornendo indicazioni per il Supporto intestinale
Anche altri fattori che sono importanti per l’ottimizzazione dei sistemi intestinali e che possono essere , in condizioni intestinali sfavorevoli, dovuti ai nostri stili di vita e agli alimenti che consumiamo, nonché a molti aspetti ambientali che combinandosi possono influenzare il nostro intestino e quindi i nostri sistemi immunitari e cerebrali.
Nell’ottimizzare le prestazioni dell’intestino dobbiamo considerare
• Riduzione dei livelli di stress intestinale.
• Migliorare il sonno
• Evitare le intolleranze alimentari sottostanti, che possono stressare il nostro equilibrio di flora intestinale.
• Aumentare il consumo di cibi sia pre che probiotici.
• Migliorare il nostro consumo di qualità dell’acqua.
• Ridurre la quantità di alimenti trasformati che consumiamo quotidianamente.
• Evitare sostanze chimiche e tossine che assorbiamo attraverso verdure non lavate.
• Ridurre gli agenti chimici presenti in alcuni alimenti.
• Riduzione di fattori ambientali come gli inquinanti dell’acqua e l’aria che respiriamo.
• Riduzione delle frequenze elettromagnetiche e dei fattori di stress geopatico.