Telomeri  e stile di vita e invecchiamento

L’invecchiamento è un processo universale alla base di molti meccanismi e percorsi differenti, raggiungere la vecchiaia in buona salute non è solo un “effetto destino”, ma il risultato di un complesso intreccio tra fattori ambientali e genetici. Circa il 20-30% della durata della vita di un individuo è correlata alla genetica, mentre il resto è dovuto a comportamenti individuali e fattori ambientali, l’alimentazione e lo stile di vita sono i contributori più importanti per la longevità e l’invecchiamento in buona salute .

I telomeri  sono complessi proteina-DNA che proteggono le estremità dei cromosomi , sono strutture specializzate dinamiche che fungono da guardiani della stabilità del genoma. Sono noti per essere uno dei principali determinanti dell’invecchiamento e della longevità. Coprendo le estremità cromosomiche(il DNA telomerico), proteggono efficacemente dall’instabilità del genoma, cioè da degradazione indesiderata e da eventi di fusione delle parti terminali dei cromosomi

I telomeri sono stati paragonati punte di plastica sui lacci delle scarpe, poiché sono in grado di impedire lo sfilacciamento e la fusione delle estremità dei cromosomi, che distruggerebbero o interferirebbero con le informazioni genetiche.

La loro lunghezza è massima alla nascita e diminuisce progressivamente con l’avanzare dell’età ed è quindi considerata un biomarcatore dell’invecchiamento cronologico. La loro integrità è regolate a molti livelli diversi. L’accorciamento dei telomeri  è associato all’età è collegato a varie malattie associate all’invecchiamento come diabete, ipertensione, morbo di Alzheimer, cancro.

Gli studi hanno dimostrato una correlazione diretta tra la lunghezza dei telomeri e l’aspettativa di vita, lo stress, i danni al DNA e l’insorgenza di malattie legate all’invecchiamento.  I fattori più importanti che influenzano i nostri telomeri sono sia di origine genetica sia  ambientali , entrambi possono interagire  sotto l’influsso di condizioni di maggiore stress ossidativo e di infiammazione , come  dieta scorretta, attività fisica, obesità e stress , insieme influenzano la salute e la longevità e l’invecchiamento precoce.

La regolazione della lunghezza dei telomeri è molto complessa e coinvolge più processi, sia la fase di replicazione del DNA sia lo stress ossidativo sono responsabili del deterioramento più rapido.

Sta emergendo anche un altro concetto, la “stabilità dei telomeri”, un concetto completamente diverso dalla lunghezza dei telomeri. Ad esempio, i pazienti con malattia di Alzheimer non sempre hanno telomeri più corti, ma i loro telomeri avere notevoli segni di disfunzione, inoltre quando questi divengono disfunzionali innescano aneuploidie ( variazioni di numero) nei cromosomi.

La lunghezza media dei telomeri, misurata nei linfociti del sangue umano, è ritenuta un biomarcatore per l’invecchiamento, la sopravvivenza e la mortalità cellulare.

Oggi è possibile con un semplice  prelievo di sangue monitorare lo stato dei telomeri con una analisi genetica  e quindi valutare per poi modulare le dinamiche del loro invecchiamento e della durata della salute e porre attenzione allo stile di vita.

I telomeri sono formati da ripetizioni TTAGGG in tandem del DNA alle estremità dei cromosomi formando una struttura ad anello protettivo contro la fusione e la degradazione dei cromosomi. L’accorciamento o il danneggiamento dei telomeri portano ad una disfunzione del cappuccio protettivo che innesca una risposta al danno del DNA con conseguente senescenza o apoptosi.

L’accorciamento dei telomeri è un processo naturale di accorciamento progressivo durante la vita a seguito dell’aumento del turnover e dell’età cronologica nelle cellule somatiche in divisione, con conseguente senescenza cellulare o apoptosi ( morte delle cellule). Nelle cellule somatiche, la lunghezza dei telomeri è molto eterogenea ma diminuisce  costantemente con l’età.

Il mantenimento dei telomeri è determinato da fattori genetici ed è anche modellato in modo cumulativo da influenze non genetiche nel corso della vita umana.

I processi di obesità , insulino-resistenza e malattie cardiovascolari , che sono correlati allo stress ossidativo e all’infiammazione, sono stati tutti collegati a telomeri più corti , migliorare l’attività fisica, stress psicologico e la dieta non sana aumentare significativamente l’onere ossidativo e il tasso di accorciamento dei telomeri.

Come rallentare le patologie degenerative e l’invecchiamento

Quindi, analizzando e conoscendo le dimensioni dei propri telomeri, quale modo migliore e naturale per contrastare l ‘”orologio biologico” in modo consapevole attraverso la dieta e gli interventi sullo stile di vita? Le persone che vivono nei paesi del Mediterraneo hanno una vita più lunga e più sana rispetto alle persone che vivono in altri paesi industrializzati, e studi hanno  dimostrato che hanno anche telomeri più lunghi.

Seguire una dieta ricca di verdura, frutta, noci, olio d’oliva, pesce, una piccola quantità di vino rosso ed esercitarsi almeno 20 minuti al giorno tre volte alla settimana, evitando obesità, fumo e alcol, rappresenta la ricetta lavorativa per lunghi e sani vita. Molti meccanismi e percorsi sono alla base della nutrizione, dello stile di vita e della longevità, inclusa la modulazione della lunghezza dei telomeri.