Un modello neurobiologico di salute delle donne che coinvolge gravidanza e parto

L’aiuto degli specialisti è importante nella valutazione della salute fisica e psicologica delle donne e delle sue conseguenze sul periodo della gravidanza e sullo sviluppo e la salute fetale e infantile del figlio.
Donne che riferiscono stati di salute psicofisici negativi durante la gravidanza, come valutazioni di alti livelli di stress psicologico o bassi livelli di supporto sociale, sono a maggior rischio di avversità fetali e infantili della nascita e dello sviluppo. La prevenzione e l’intervento su queste situazioni vanno approfondite per aiutare e sostenere la donna e la coppia in tali condizioni e per farlo è necessario comprendere i meccanismi fisiopatologici implicati. Candidati biologici coinvolti sono il sistema PsicoNeuroEndocrinoImmunitario e fattori genetici.
Vi può essere una predisposizione genetica alla suscettibilità allo stress per alterazioni della risposta neuroendocrina dovute ad alcuni polimorfismi nei geni che codificano per le proteine coinvolte nella regolazione della risposta allo stress, che producono differenze individuali nella suscettibilità in termini di effetti negativi nel contesto della gravidanza. Variazioni della sequenza del DNA nel gene CRH placentare che ne regola la produzione possono avere importanti implicazioni nella regolazione di vari aspetti della gravidanza, dello sviluppo fetale e sugli esiti della nascita.
Gran parte della ricerca sul coinvolgimento di il sistema neuroendocrino e il suo coinvolgimento negli esiti della gravidanza è incentrato sul ruolo specifico dell’ormone corticotropo -CHR nel coordinamento e controllo della fisiologia del parto.
In stato di non gravidanza l’ormone corticotropo gioca un ruolo centrale nella regolazione dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene – HPA- che è il coordinatore centrale dei sistemi di risposta neuroendocrina nella fisiologia dello stress.
Durante la gravidanza Il CRH è espresso anche nella placenta ed è identico al CRH ipotalamico in struttura, immunoreattività e bioattività, ma differisce nella regolazione in quanto questa è modulata in un modo positivo e dose-dipendente da parte di tutti i principali effettori biologici dello stress, incluso il cortisolo, catecolamine (norepinefrina), ossitocina, angiotensina. il CRH placentare stimola direttamente e preferenzialmente la secrezione di DHEA-S da parte delle cellule corticali surrenali fetali umane , Agisce sull’utero e sulla cervice e, quindi, aumenta i cambiamenti indotti dagli estrogeni su questi tessuti. Inoltre stimola il rilascio di prostaglandine dalla placenta e potenzia gli effetti dell’ossitocina sul miometrio. Quindi, esso interagisce con le due principali uterotonine, sostanze che stimolano le contrazioni del miometrio durante il travaglio e il parto. Le donne in travaglio pretermine hanno livelli notevolmente elevati di CRH rispetto alla gestazione con parto a termine ; le donne che partoriscono pretermine presentano un significativo tasso accelerato di aumento CRH nel corso della loro gestazione. mentre le donne che partoriscono dopo il termine (> 41 settimane) presentano livelli inferiori di CRH placentare e un aumento più lento di CRH nel corso della gestazione. Quindi, sembra esistere nel placenta umana un tipo del meccanismo di temporizzazione, che determina la lunghezza di gestazione (“orologio placentare”).
L’ ormone corticotropo placentare è sensibile allo stress. e viene rilasciato da cellule placentari umane in risposta a tutti i principali effettori biologici dello stress, compreso il cortisolo e catecolamine. Vi sono correlazioni significative tra ormoni dello stress ipofisario-surrenale , ormone Adrenocorticotropo -ACTH, cortisolo e livelli di CRH placentare. lo stress psicosociale materno è significativamente correlato con livelli di ormone ipofisario-surrenale materno ACTH, cortisolo, entrambi noti per stimolare secrezione placentare di CRH. A seconda della cronicità del fattore di stress, il conseguente aumento della produzione di CRH potrebbe essere un fattore critico che contribuisce all’iniziazione precoce di travaglio spontaneo e ridotta crescita fetale

Lo stato di salute psicofisico materno si collega a percorsi biologici e ad esiti dello sviluppo fetale, del parto. Si pone una domanda : come comunicano tra loro la madre e il compartimento fetale visto che non ci sono connessioni neurali diretta tra la madre e il suo feto in crescita, però è ormai noto che il feto ricevere, elaborare e agire in base alle informazioni che riceve dall’ambiente materno. Tutta la comunicazione tra i due scomparti è mediata dalla placenta, un organo transitorio del feto, che permette lo scambio transplacentare di fattori fetali o materni , quindi la placenta può essere in grado di ricevere, elaborare e agire su determinate classi di stimoli e, quindi, prendere su alcune funzioni che di solito sono attribuite al sistema nervoso centrale. La placenta ha quindi un importante ruolo organo sensoriale effettore per fornire al feto informazioni da incorporare il processo di sviluppo e questo processo è mediato dall’attività del CRH placentare.
Un secondo possibile percorso si basa sull’osservazione che il cortisolo materno può influenzare direttamente la crescita e lo sviluppo del feto attraverso il passaggio transplacentare. Il cervello fetale è molto sensibile a un certo numero di agenti i come fattori di trascrizione, fattori di crescita e nutrienti, tuttavia, gli steroidi sono particolarmente potenti organizzare il cervello e i tessuti periferici. Studi hanno dimostrato che l’esposizione fetale ai glucocorticoidi ha un effetto diretto sul sviluppo e funzione dei sistemi neurotrasmettitori nel tronco encefalico, e sullo sviluppo e funzione dei neuroni ,i cambiamenti indotti hanno quindi un impatto indiretto sul funzione di queste due strutture cerebrali, che sono entrambe centrali per la regolazione dello stress.
La vulnerabilità a stati psicologici come lo stress è maggiore in gravidanza, ma non tutte le donne incinte segnalano alti livelli di stress psicologico o bassi livelli di il supporto sociale.
Ciò evidenzia la necessità di identificare le donne in gravidanza che potrebbero essere particolarmente sensibili a questi effetti deleteri.

Da CNS spectrums Vol 9- n.3