Salute materno-infantile personalizzata  pre e post  gravidanza

La salute di una persona dipende dall’interazione dei propri attributi biologici con il proprio ambiente sociale e fisico. L’integrazione dei determinanti biologici e sociali della salute in gravidanza può portare a cure “personalizzate” e risultati migliori per la madre e il suo bambino. Una donna incinta dovrebbe essere vista contemporaneamente da più prospettive. Per quanto riguarda la salute della gravidanza, la medicina personalizzata offre la promessa di progettare prevenzione e terapie che si avvalgono dell’integrazione . Tradizionalmente la medicina è stata divisa in discipline, riflettendo diverse prospettive ed una situazione di varietà di osservazioni, non solo esclusivamente di una, che si riferiscono a una particolare gravidanza. Questo offre un mezzo “personalizzato” per comprendere la disposizione di salute e la traiettoria di vita di ogni singola donna incinta e della sua prole. Al contrario, gli osservatori, che si concentrano esclusivamente su ogni singolo dominio, potrebbero non riuscire a catturare completamente questa complessa relazione.
Comprendere come viene avviata, mantenuta e talvolta interrotta la tolleranza immunologica di una donna incinta nei confronti del suo feto potrebbe fornire indizi per comprendere non solo il normale parto, ma probabilmente anche alcuni tipi di cancro, malattie autoimmuni e una varietà di altre condizioni “proinfiammatorie” , come malattie cardiovascolari o persino l’invecchiamento stesso.

La semplice identificazione dei fattori di rischio, psicosociale o ambientale  non è sufficiente, vi sono fattori modificabili, come l’esposizione a farmaci,  pesticidi o interferenti endocrini, ecc., nonché contributi paterni (ad es. salute, dati demografici , farmaci) sulla salute della madre, della gravidanza e del bambino. E’ importante identificare i biomarcatori associati a varii determinanti sociali, in particolare proteine, metaboliti e altre molecole nella circolazione o anche a livello dei tessuti. C’è bisogno di informazioni sui geni stessi e, cosa più importante, sulle loro trascrizioni, che riflettano il modo in cui i geni vengono espressi e, in definitiva, il comportamento di segnalazione specifico delle singole cellule. Queste fonti di dati sono essenziali per seguire con attenzione una gravidanza.
L’ obiettivo dovrebbe essere quello di assemblare un profilo materno integrato di dati demografici, psicosociali, ambientali, microbiomici, genomici, trascrittomici (cell-free (cf)-RNA) proteomici, metabolomici e dati immunologici che riflettono la salute complessiva della donna. In definitiva, mirare a creare un profilo “omico” personale completamente integrato delle gravidanze normali e possibili patologiche. La maggior parte delle persone ora ha familiarità con l’utilità degli acidi nucleici privi di cellule nella diagnosi di aneuploidia, semplicemente misurando il cf-DNA circolante fetale nella circolazione sanguigna della madre, c’è anche cf-RNA dalla madre, dal feto e dalla placenta nella circolazione materna durante la gestazione.

Profilazione integrativa omica personale

Modelli di espressione genica potrebbero fornire informazioni sul mantenimento della tolleranza per il feto in una gravidanza a termine normale e anche sull’identificazione di quei cambiamenti nella segnalazione delle cellule immunitarie che potrebbero essere associati a cambiamenti tissutali locali.
Durante la gestazione, c’è un passaggio nella madre da uno stato di tolleranza e immunosoppressione a uno di rigetto e infiammazione (parto), con diversi tipi di cellule (e il loro comportamento di segnalazione) che cambiano nel tempo, suggerendo che l’equilibrio immunitario della gravidanza è la misurazione naturale del tempo durante la gestazione.
Alcuni individui sono più vulnerabili a qualsiasi fattore (sia biologico che sociale e altri sembrano essere resistenti, ci sono differenze individuali nelle cause biologiche se sono correlate a geni specifici, percorsi genici o cambiamenti epigenetici in risposta a qualche aspetto dell’esposoma.
La metilazione del DNA è uno dei componenti più studiati dell’epigenesi, ma non sono state identificate in modo conclusivo relazioni chiare di causa-effetto. Tuttavia, i nostri fenotipi come individui o come popolazioni devono riflettere tali interazioni tra i nostri genomi e gli esosomi.

PERSONALIZZAZIONE DELLA MEDICINA
Gli attuali sforzi e studi devono essere mirati a rendere la cura più efficace – “personalizzata” o “precisa” . Ciò che conta è l’accettazione di conoscenze consolidate, l’abbandono di abitudini malsane e la volontà di esplorare approcci nuovi, non ancora sperimentati, che offrono la speranza di potenziali soluzioni. La stessa medicina è concentrata principalmente sull’affrontare i mali degli individui e sul ripristino e il mantenimento della loro salute. Tuttavia, Ippocrate consigliava al medico di considerare “aria, acqua e luoghi” (che nella nostra terminologia sarebbe chiamato “ambiente”) nel valutare il trattamento di un paziente. Questa considerazione introduce il concetto che ciò che è “personale” deve includere il contesto in cui una persona vive e quei determinanti di salute che designati come sociali, oltre a quelli biologici; i due sono intrecciati e uno può essere tradotto direttamente nell’altro. Una falsa dicotomia dei due è ciò che è importante evitare. Entrambi servono come potenziali “leve” per effettuare il cambiamento. La medicina “personalizzata” dovrebbe essere conciliata con un’altra nozione oggi più popolare, la medicina “di precisione”. Tutto ciò che è cambiato è la conoscenza all’interno delle rispettive discipline e la varietà di strumenti utilizzati, e non ciò che i medici hanno sempre inteso: prevenire le malattie, guarire le persone con malattie e ripristinare la salute. La medicina è tipicamente praticata sulla base delle migliori informazioni disponibili e guidata dall’ispirato e dal buon giudizio dei medici.
Quando si tratta di salute riproduttiva, il problema non è semplicemente salvare vite o addirittura longevità, ma garantire un neonato sano e una madre sana. Questo comunque vale anche per la medicina di prevenzione per tutte le persone.

LA GRAVIDANZA COME INIZIAZIONE DI UN CORSO DI VITA E MODIFICA DI UN ALTRO
Ciò che rende unico la medicina personalizzata (o razionale) per la salute materna e infantile è che risulta fondamentale per l’approccio del corso di vita alla salute di precisione: prevedere, prevenire e curare con precisione.

L’origine fetale della malattia dell’adulto è ormai una nozione popolare e non c’è dubbio che le influenze prenatali contribuiscano alle condizioni postnatali che emergono nel corso della vita. Inoltre, sia la salute paterna che quella materna sono rilevanti per gli esiti della gravidanza e il corso della vita del feto inizia certamente al momento del concepimento in modi che non sono ancora completamente compresi. Abbiamo già suggerito che l’attenzione alla gravidanza è nel miglior interesse del nostro mondo, anche se il ritorno sull’investimento si verificherebbe probabilmente più avanti nel corso della vita sia della madre che del bambino, futuro individuo.
Prevedere, prevenire e curare con precisione richiederà una personalizzazione dell’assistenza sanitaria che integri i determinanti sociali della salute e le loro controparti biologiche.
La ricerca medico-scientifica richiederà necessariamente una comprensione più profonda della complessità delle interazioni tra determinanti biologici e sociali, utilizzando valutazioni che colleghino le varie discipline in uno sforzo coordinato per trovare gli interventi clinici e di salute pubblica più efficaci.

Da Pediatr Res. 2021 gennaio; 89 (2).